PROGETTI

Restauro della Chiesa di Santa Maria della Piazza.

Ad Ancona, il restauro dell’antica Chiesa fa tornare a splendere un patrimonio di bellezza, arte e storia di una comunità.

Condividi

x

Intervento di restauro conservativo che interessa il manto di copertura dell’edificio, le sue facciate laterali, quella posteriore e il campanile, segnati dall’usura del tempo.

00:07
Dal punto di vista artistico e storico

00:09
la chiesa di Santa Maria
della Piazza è fondamentale

00:12
per capire la storia di Ancona.

00:15
Le persone che vengono a visitare questa chiesa
sono innanzitutto gli anconetani

00:21
che sono legati anche a una memoria affettiva

00:24
perché questa è una Chiesa dove si celebra
e si sono celebrati nel tempo molti matrimoni

00:30
quindi diventa memoria del loro Sacramento.

00:33
Mi crea sempre un’emozione
poter entrare qui dentro

00:38
ricordando il nostro matrimonio

00:41
ma anche per vedere la maestosità

00:44
di quanto nell’undicesimo secolo
sono riusciti a fare

00:49
e fortunatamente riusciamo ancora oggi
a poter ammirare tutti i giorni.

00:56
Quando entri dentro
hai questa sensazione di tranquillità.

01:04
Hai il Signore di fronte
e questo fa veramente tanto bene per tutti.

01:12
Tutelare un patrimonio come questa Chiesa

01:15
significa mantenere il legame tra le generazioni.

01:21
Durante l’anno sono molti gli anconetani
che visitano la Chiesa di Santa Maria della Piazza

01:26
mentre nel periodo estivo sono molti
i crocieristi e i turisti stranieri

01:30
che visitano la città di Ancona.

01:33
Ci capita spesso di venire in questa Chiesa
soprattutto con degli amici che vivono fuori.

01:39
Noi la prima cosa che facciamo li portiamo qui.

01:43
Ritengo veramente fondamentale

01:46
il contributo che riesce a
dare la CEI grazie all’8xmille

01:52
nel poter conservare certe bellezze
e poterle offrire all’uso quotidiano

01:58
a chi vuole frequentare questo luogo di culto

02:01
ma anche a chi viene come semplice turista.

02:06
I restauri che stiamo facendo
riguardano le facciate laterali

02:10
che hanno bisogno di un
restyling dopo l’usura del tempo.

02:15
E poi la copertura perché anche qui
il tempo rende necessari degli interventi.

02:21
Monumenti come questo in cui ci troviamo adesso

02:24
non hanno un’appartenenza religiosa

02:27
non sono di proprietà di un culto

02:31
ma sono un bene di tutta l’umanità.

02:34
È per questo che invito veramente tutti
a devolvere l’8xmille alla Chiesa cattolica.

02:42
Perché ci dà la possibilità di poter continuare
ad ammirare e a frequentare questi posti

02:47
e poterli donare un domani ai nostri nipoti.

02:53
Oltre al valore certamente culturale
liturgico pastorale della chiesa

02:58
non dobbiamo mai dimenticare che
il finanziamento che deriva dall’8xmille

03:03
è anche un volano per l’economia.

03:04
Questo vuol dire manodopera
che si specializza e qualifica

03:08
perché questo non è un lavoro dequalificato
ma richiede e promuove professionalità

03:14
e impiega professionalità.

03:16
Pensiamo al mondo dei restauratori
che senza il patrimonio della Chiesa

03:21
da conservare e da tutelare
molto spesso non avrebbero di che lavorare.

03:28
A chi firma vorrei esprimere
il mio più sincero ringraziamento

03:31
perché senza il vostro aiuto non sarebbe possibile
il restauro e la fruizione di questo monumento.

I numeri del progetto

203

giornate complessive di lavoro.

3

restauratori impegnati.

325

giorni l’anno di apertura della Chiesa.

20.000

visitatori ogni anno.

I TEMI

Le aree di intervento

Questo progetto è presente nelle seguenti aree di intervento.
Scopri altri progetti appartenenti allo stesso tema.

I valori del progetto

Un patrimonio storico.

La Chiesa è stata costruita alla fine del XII secolo sui resti di una basilica paleocristiana dedicata a Santo Stefano. Ha conservato per molti anni una reliquia: il sasso utilizzato per la sua lapidazione a Gerusalemme nel 37 d.C. Nei sotterranei si trovano i pavimenti della chiesa paleocristiana del VI sec., di una chiesa risalente al IV sec., tratti di mura della polis greca.

Simbolo di fede cristiana.

Segno tangibile delle origini e dello sviluppo del culto del Cristianesimo ad Ancona e memoria storica della città marchigiana. La Chiesa di Santa Maria della Piazza è un gioiello di architettura romanica. Ha una pianta rettangolare, uno schema a croce latina ed è divisa in tre navate. La facciata è stata decorata dal Maestro Filippo nel 1210.

Un bene di tutti.

I luoghi di culto appartengono all’intera comunità, a prescindere dal credo religioso. Contribuire a preservarli significa essere parte di un’economia del benessere che sostiene il settore lavorativo, turistico, oltre che la memoria affettiva dei fedeli. Le nostre chiese sono anche il punto di riferimento per tanti, dove vivere i valori cristiani ed essere comunità attiva.

Dove Siamo

La Chiesa si trova nel centro storico della città di Ancona, in Piazza Santa Maria, nell’antico rione Porto. È un punto di riferimento per tanti e luogo dove essere comunità viva. Le testimonianze delle persone che decidono perché firmare per l’8xmille alla Chiesa cattolica rispecchiano questi valori comuni.

Dettaglio

Regione
Marche
Diocesi
Ancona - Osimo
Località
Ancona
Ambito
Culto e Pastorale
Destinati
€ 171.000
Anno: 
2022
Sito

Vai alla mappa 8xmille
per conoscere altri progetti

Ti potrebbe interessare:

Reggio Emilia

Locanda San Francesco, cohousing per persone in difficoltà.

Mumbai (India)

Ospedale per i poveri Holy Spirit

Tosamaganga (TANZANIA)

Progetto Medici con l’Africa Cuamm, un ospedale per mamme e bambini.

Una newsletter
che fa bene.

Resta aggiornato sulle iniziative
sostenute dall’8xmille
alla Chiesa cattolica.