FIRMO PERCHÉ

Le testimonianze di chi firma.

Ti presentiamo alcune testimonianze di persone che decidono di destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica e ci raccontano il perché della loro scelta.
Leggi la loro storia e se vuoi, raccontaci perché firmi per l’8xmille alla Chiesa cattolica. Partecipa anche tu!

Inviaci la tua testimonianza
Condividi

Salvatore Quinci, 53 anni – Sindaco, Mazara del Vallo (TP)

“Firmo perché è una scelta di appartenenza”.Leggi di più

Sono fondi utilizzati per il sostentamento del clero, per la costruzione di nuove chiese, per la realizzazione di oratori e per le attività rivolte alle famiglie. Fondi destinati per aiuti concreti alle popolazioni dei Paesi del cosiddetto “terzo mondo” dover spesso l’unica presenza in grado di restituire una speranza è costituita proprio dagli uomini e dalle donne della Chiesa cattolica; fondi utilizzati per interventi caritativi per un sostegno diretto alle persone bisognose di assistenza e cura. Sono testimone diretto del grande aiuto che la Caritas cittadina e gli altri enti come Fondazioni presenti nel territorio hanno dato alle famiglie che vi si sono rivolte a causa dell’emergenza sanitaria che è divenuta emergenza economica. Conosco bene i tanti progetti destinati a ridare dignità ai giovani in cerca di un futuro dignitoso in territori difficili, ad aiutare a sostenere chi si trova in uno stato di difficoltà. E per ciascuno di questi progetti mi piace immaginare che il mio piccolissimo contributo assieme a quelli di milioni di cittadini italiani sia stato generativo di bene.

Leggi di più

Condividi

Annarosa, 71 anni, Forlì

“Firmo perché credo nella formazione dei giovani nella scuola e nella vita”.Leggi di più

Da parecchi anni devolvo l’8x1000 alla Chiesa cattolica perché non saprei individuare un destinatario migliore. Mi auguro che il mio contributo, unito a quello di tanti altri, possa fare in modo che la Chiesa continui ad operare per la formazione dei giovani nella scuola e nella vita.

Leggi di più

Condividi

Maurizio, 53 anni - Consigliere regionale, Cuneo

“Firmo perché sento il dovere di partecipare ai tanti progetti che fa la Chiesa cattolica”.Leggi di più

Come fedele laico mi sento parte della Chiesa cattolica e sento il dovere di partecipare ai tanti progetti che la Chiesa cattolica fa ogni anno attraverso l’8xmille. Sia personalmente che come famiglia siamo molto vicini all’esperienza di vita della “Citta dei Ragazzi” di Cuneo fondata da Padre Gasparino, una comunità di preghiera che, attraverso le missioni nei Paesi più poveri del mondo, vive insieme ai più poveri. Nell’ambito dell’8xmille, credo che in questa fase delicata dal punto di vista sociale, i progetti caritatevoli abbiano un ruolo importante - soprattutto quelli rivolti alle famiglie e ai giovani, che sappiamo vivere momenti di grande difficoltà. Sono certo che queste siano motivazioni importanti anche per noi, per fare la nostra parte anche attraverso la donazione dell’8xmille.

Leggi di più

Condividi

Maurizio - Presidente Comitato RestaurOsservanza, Imola

“Firmo perché sono soldi che vengono spesi presto e bene”.Leggi di più

L’8xmille aiuta diverse attività, non solo di stampo ecclesiale ma anche civile, sostenendo una buona parte della società italiana. Solo per fare un esempio: il fatto che questo strumento possa sostenere le famiglie che bussano alla porta della Caritas, per me è uno stimolo fondamentale a donare. All’aiuto alle persone in difficoltà si aggiunge anche la quota parte destinata al recupero di immobili storici di cui la Chiesa è abbondantemente dotata e, al posto dello Stato, mantiene e rende fruibile per tutti i cittadini italiani e non. Di solito i donatori, giustamente, si chiedono: verranno poi spesi bene questi soldi? Intanto c’è da dire che lo Stato effettua un controllo abbastanza stringente sull’utilizzo delle devoluzioni, la sorveglianza è attenta e arriva fino ai controlli della Finanza. E poi, al netto di tutto ciò, la mia personale esperienza mi insegna che questi soldi vengono spesi presto e bene.

Leggi di più

Condividi

Paolo, 65 anni, Forlì

“Firmo perché ho toccato con mano cosa significa condividere”.Leggi di più

Ho sempre sostenuto l’attività di solidarietà della Chiesa cattolica perché ho avuto modo, nel tempo, di rendermi conto di quanto bene in favore dei più poveri è stato fatto. Lavoravo in una cooperativa nata per volontà di un sacerdote, per cui ho toccato con mano cosa significa “condividere” fragilità e povertà. Con mia moglie Marisa abbiamo riflettuto e… abbiamo scelto.

Leggi di più

L’8xmille è una storia
di ogni giorno.

Ricevi tutti gli
aggiornamenti periodici
su come vengono destinati
i fondi dell’8xmille.