PROGETTI

Caritas diocesana di Otranto per la valorizzazione della persona.

In provincia di Lecce, la Caritas è accanto a famiglie povere, persone sole, minori in difficoltà e donne vittime di tratta, nel pieno spirito di misericordia.

Condividi

x

Tante realtà sociali, tra Galatina, Maglie e Poggiardo, di aiuto e ascolto attivo per la valorizzazione della dignità. Sono attivi servizi di assistenza alimentare, formazione e animazione dei più piccoli, uno Sportello giuridico, un progetto per il recupero di donne vittime della tratta e i loro bambini.

00:05
Le Suore Francescane Alcantarine
sono in prima linea con la Chiesa

00:10
con la Chiesa locale e con i giovani.

00:13
Noi nasciamo in un quartiere
molto povero

00:15
di Castellammare di Stabia
alla fine del 1800

00:19
quindi siamo chiamate
ad avere un cuore di madre

00:24
un cuore docile e intelligente
per stare affianco ai giovani

00:27
ma anche a chiunque ne ha bisogno.

00:41
L’attività di una Caritas diocesana

00:44
è il modo attraverso il quale

00:46
una Chiesa si rende presente nel territorio

00:51
testimonia la sua vicinanza
alle persone

00:53
soprattutto alle persone
che hanno più difficoltà.

00:57
Ecco mi sembra che uno dei fulcri
di questa attività

01:01
possa essere definito proprio
il sostegno che l’8xmille fa

01:07
rispetto ai progetti che noi realizziamo.

01:10
L’idea dell’ambulatorio è nata un po’ così

01:14
e soprattutto grazie a tutti gli altri
servizi della Caritas

01:18
tra il Centro d’ascolto e lo Sportello giuridico in particolare

01:23
ci siamo un po’ resi conto tutti
che quello sanitario

01:26
è un problema spesso
messo in secondo piano

01:30
da chi ha delle difficoltà economiche

01:33
o soprattutto anche per gli stranieri.

01:35
Allora era un po’ un sogno nel cassetto
da qualche anno

01:38
per la Caritas di questa diocesi

01:41
e finalmente è diventato realtà.

01:43
Il Gruppo Davide nasce qualche anno fa

01:45
per assistere e sostenere i bambini
che hanno delle difficoltà scolastiche

01:52
ma non solo
anche per essere un sostegno

01:56
per le famiglie che non possono
garantire questo appoggio.

01:59
Dal 2011 mi occupo
delle donne vittime di tratta

02:03
grazie a un progetto nato proprio con l’8xmille

02:09
e quindi abbiamo avuto la spinta
per iniziare a fare questo.

02:17
Noi semplicemente attraverso le uscite

02:20
andiamo quasi in punta di piedi ad incontrarle

02:24
a cercare di instaurare
un rapporto di fiducia con loro

02:29
e cercare in tutti i modi di
strapparle dalla strada

02:34
perché loro lo sanno

02:35
in fondo al loro cuore lo sanno che

02:39
non è quello che meritano.

02:44
In tutto questo il servizio della mensa

02:47
è un servizio molto prezioso

02:49
così come la distribuzione dei vestiti
e la distribuzione degli alimenti.

02:55
Alla mensa abbiamo incontrato tante persone.

03:00
Non c’erano solo italiani

03:03
provenienti da varie nazionalità

03:06
comunque persone che secondo me
avevano una grande dignità.

03:12
È stato bello poi poter essere d’aiuto agli altri

03:16
mangiare assieme

03:18
purtroppo non abbiamo potuto
pranzare assieme agli ospiti della mensa

03:23
a causa del Covid

03:25
e abbiamo quindi distribuito
i pasti all’esterno.

03:30
Ciononostante abbiamo potuto vedere

03:32
la bellezza negli occhi di quelle persone

03:36
abbiamo capito anche che non bastava dare loro un pasto

03:42
ma serviva anche dire una parola

03:45
o comunque stare vicino anche in concreto.

03:49
Io penso che quando noi pensiamo all’8xmille

03:55
quando pensiamo a che fine fanno quei soldi

03:58
mi sembra che è molto opportuno
poter rivedere

04:04
le immagini, le storie, i volti delle persone

04:08
e credo che questo ci aiuta a comprendere

04:13
che quel sostegno è
assolutamente necessario.

04:15
Forse è un segno semplice

04:17
ma è anche un grande atto di giustizia.

04:24
La tua firma per l’8xmille alla Chiesa cattolica

04:27
non è mai solo una firma.

04:29
È di più!

04:30
Molto di più.

I numeri del progetto

85

volontari.

30

bambini del Gruppo Davide.

25

medici e operatori nell’Ambulatorio medico.

935

donne seguite dall'unità di strada.

12.676

pasti distribuiti in un anno.

252

stranieri aiutati dallo Sportello giuridico.

I TEMI

Le aree di intervento

Questo progetto è presente nelle seguenti aree di intervento.
Scopri altri progetti appartenenti allo stesso tema.

I valori del progetto

Una speranza concreta.

La Mensa del Buon Pastore di Galatina è un luogo di accoglienza dove si vuole donare una speranza concreta a chi è in difficoltà. Qui, infatti, i volontari non preparano solo un pasto caldo, ma danno calore umano e affetto a chi ne ha bisogno. C’è anche un Centro di ascolto e uno Sportello giuridico per aiutare gli immigrati nelle pratiche burocratiche.

L’alternativa alla strada.

L’unità di strada antitratta si prende cura di tante ragazze costrette a prostituirsi, sfruttate e ridotte in schiavitù. Vengono accolte in un luogo protetto dove possono finalmente vivere libere da ogni paura e iniziare un percorso di liberazione e riscatto.

Inclusione minorile.

Il Gruppo Davide è un servizio rivolto ai ragazzi con disagio sociale, ritardo scolastico o a rischio di emarginazione: qui ricevono un aiuto nel fare i compiti, e attraverso attività sportive e ricreative, sono stimolati a costruire rapporti di collaborazione e di rispetto con gli altri ragazzi e con la propria famiglia.

Dove Siamo

La mensa del Buon Pastore si trova a Galatina (LE) in via Carlo Alberto dalla Chiesa. Il Gruppo Davide è attivo a Maglie (LE) e a Poggiardo (LE). Il progetto di recupero donne vittime di tratta opera nell’area di Lecce e Brindisi.

Dettaglio

Regione
Puglia
Diocesi
Otranto
Ambito
Carità
Sito

Vai alla mappa 8xmille
per conoscere altri progetti

Ti potrebbe interessare:

Ancona

Restauro della Chiesa di Santa Maria della Piazza.

Caserta

Parrocchia del Buon Pastore, aiuto alla comunità.

Livorno

La scuola dei mestieri

Una newsletter
che fa bene.

Resta aggiornato sulle iniziative
sostenute dall’8xmille
alla Chiesa cattolica.