MAPPA 8XMILLE

Scopri i progetti vicino a te!

Campomarino, ricomposizione e restauro dell’organo nella chiesa Santa Maria a Mare

Regione
Abruzzo Molise
Diocesi
Termoli - Larino
Ambito
Culto e Pastorale
Destinati
€ 25.769
Sito
www.beweb.chiesacattolica.it
Condividi
Sarà ricomposto e restaurato l’organo settecentesco nella chiesa Santa Maria a Mare (provincia di Campobasso e diocesi di Termoli Larino). Per questo intervento, nel 2020, sono stati assegnati 25.769 euro. L’organo fu realizzato e donato alla parrocchia nel 1769 da Francesco D'Onofrio (per la sua grande devozione), come si legge in parte dell’iscrizione riportata nella secreta dell’organo. Lo strumento venne smontato nel 2001 per consentire il restauro della cassa, effettuato dalla Soprintendenza. Ma il progetto di restauro della parte fonica non ebbe seguito. Le sue componenti furono stivate in un locale della parrocchia. Tutti i componenti, dopo un primo censimento, verranno riposti in appositi imballi e trasportati in laboratorio per il restauro. Lo strumento è racchiuso in una cassa in legno ricca di intagli e dorature: presenta una tastiera di 45 note e due tasti accessori ai lati per due cornamuse. Dopo la pulitura superficiale, tutti i manufatti in legno verranno sottoposti al trattamento antitarlo. La tastiera verrà restaurata sia nelle leve sia nelle coperture. La trasmissione meccanica sarà revisionata con trattamento antiossidante delle riduzioni in ferro, che, dopo la pulitura superficiale, saranno protette. Le canne in metallo saranno lavate per togliere le incrostazioni di sporco senza alterare la patina dell'invecchiamento. Previsto anche il recupero delle canne di facciata che, oltre a presentare un severo deterioramento del metallo, sono state anche rovinate con una maldestra verniciatura. Gli elementi non più ricuperabili verranno ricostruiti in copia. Al termine dei lavori di recupero, lo strumento potrà tornare a suonare nella parrocchia.
 

L’8xmille è una storia
di ogni giorno.

Ricevi tutti gli
aggiornamenti periodici
su come vengono destinati
i fondi dell’8xmille.