PROGETTI

Casa accoglienza, centro Caritas e laboratori parrocchiali.

Ad Aversa, in provincia di Caserta, operatori e volontari donano ogni giorno amore e affetto a chi non ha più una famiglia.

Condividi

x

La Casa accoglienza “Gratis Accepistis” è un rifugio per i senza fissa dimora che chiedono un posto dove dormire, un pasto caldo e un po’ di affetto. Sono attivi dei laboratori sartoriali: il ricavato della vendita dei prodotti è raccolto in un fondo a sostegno di famiglie indigenti.

00:10 La Caritas è l'abbraccio di Dio al suo popolo

00:14 e questo è quello che cerchiamo ogni giorno

00:16 anche con tanta fatica di portare avanti.

00:18 L'inclusione per noi passa attraverso questa presenza

00:23 questo abitare

00:24 questo esserci all'interno di un cammino

00:27 e quindi non un aiuto da lontano a distanza

00:30 ma un aiuto fatto da una mano

00:34 fatto da uno sguardo

00:36 da una pacca sulla spalla

00:37 e quindi un aiuto di presenza.

00:52 Mi chiamo Paco

00:53 mi occupo della Casa di accoglienza Gratis Accepistis

00:57 che è la casa di accoglienza diocesana per senza fissa dimora.

01:02 È aperta da 8 anni nella nostra diocesi

01:05 e accoglie uomini, donne e bambini

01:08 chiunque si trova in un momento di difficoltà.

01:11 Alla nostra porta della Caritas

01:13 si affacciano diverse persone

01:15 diverse nazionalità e religioni.

01:18 I ragazzi che vengono qui spesso sono persone

01:21 che hanno bisogno di un aiuto sia morale che pratico

01:24 in quello che sono le attività ordinarie

01:28 quindi parliamo di persone che si affacciano

01:30 per un semplice pasto caldo

01:31 per una coperta

01:33 il più delle volte anche per un'accoglienza.

01:36 Magari anche con un semplice gesto

01:37 quello che può essere una coperta

01:40 un sorriso

01:43 un pasto caldo

01:47 quello che è importante è far sentire alle persone

01:51 di prendersi cura di loro a 360 gradi.

01:54 Mi hanno accolto alla Caritas

01:56 perché ero un senzatetto un senza fissa dimora

02:02 mi hanno accolto perché sono andato in ospedale

02:05 per un caso patologico.

02:09 Loro mi hanno accolto

02:11 e col tempo

02:13 mi hanno fatto crescere in senso buono.

02:17 Io non avevo nessuno qua

02:21 loro mi sono stati vicini come una famiglia.

02:25 Trasmettere tranquillità, felicità, serenità

02:29 a chi si trova nel bisogno è importante

02:31 perché farci trovare con una faccia appesa

02:33 da chi vive un momento di particolare difficoltà

02:37 non è bello.

02:39 Allora cerchiamo sempre di creare molta armonia

02:41 e anche con una battuta

02:43 uno sfottò tra di noi cerchiamo sempre di rompere le acque.

02:49 I cristiani non devono avere le facce appese

02:51 anzi devono essere il contrario

02:53 noi dobbiamo manifestare l'opposto della faccia appesa

02:56 cioè la gioia.

02:58 Questo termine che addirittura 380 volte si ripete nel Vangelo

03:02 il termine gioia.

03:03 Allora noi cerchiamo sempre di farla rivivere questa gioia

03:07 anche tra di noi con gli ospiti

03:10 scherzando e ridendo facendo sempre festa.

03:16 Paradossalmente proprio nel periodo della pandemia

03:20 quindi mi riferisco a marzo scorso

03:23 c'è stata questa crisi

03:26 e hanno bussato alla porta della Parrocchia tantissime persone

03:30 tra cui tantissime famiglie di immigrati.

03:33 Ci è venuta l'idea di fare qualcosa di concreto

03:36 così è partita anche l'iniziativa delle mascherine

03:41 cioè di cucire con materiale proveniente dall'Africa

03:45 mascherine che servissero

03:48 anche per finanziare iniziative

03:50 per aiutare in concreto a raccogliere qualche fondo

03:55 per aiutare queste famiglie indigenti.

03:58 È proprio in questa terra martoriata dalla malavita organizzata

04:02 micro e macro criminalità

04:05 che abbiamo sognato insieme con l'8xmille dato alla Chiesa cattolica

04:12 di realizzare un luogo dove la gratuità

04:15 dove la legalità

04:17 dove l'accoglienza

04:19 facciano da padrone in mezzo a tanto male

04:24 che nasce purtroppo in questa terra.

04:34 La tua firma per l'8xmille alla Chiesa cattolica

04:37 non è mai solo una firma.

04:39 È di più!

04:40 Molto di più.

I numeri del progetto

350

persone accolte in un anno.

280

pasti al giorno preparati durante la pandemia.

7.300

derrate alimentari distribuite in un anno.

500

visite mediche al mese.

1.000

volontari.

20

operatori.

I valori del progetto

Vicini come una famiglia.

Restituire dignità alla persona in difficoltà: riconoscere la sua sofferenza e emettersi nei panni dell’altro. È questo lo spirito della casa accoglienza “Gratis Accepistis”. Qui, gli ospiti ritrovano un po’ di sollievo e il senso di famiglia che avevano perso, e vengono accompagnati in un vero percorso di riscatto e reinserimento sociale e lavorativo.

Accoglienza e inclusione.

Non solo rifugio notturno, ma polo di servizi integrati per l'accoglienza e l'inclusione di senza dimora, padri separati in difficoltà economica, donne sole con i loro bambini, vittime di violenza domestica. Gli ospiti sono seguiti da una équipe di mediatori culturali e familiari, psicologi, educatori, avvocati.

I laboratori parrocchiali.

“Gioia” è un brand nato per diffondere la cultura della solidarietà e dare un segno tangibile di un riscatto possibile nel recupero della dignità e della fiducia in se stessi attraverso la formazione e il lavoro. Oggi, il brand è diventato una fonte ancora più importante di sostegno alle sempre più numerose persone che finiscono in povertà.

Dove Siamo

La casa accoglienza “Gratis Accepistis” ha sede al civico 54 in via San Nicola ad Aversa, in provincia di Caserta.

Dettaglio

Regione
Campania
Diocesi
Aversa
Località
Aversa CE
Ambito
Carità
Destinati
€ 105.000
Anno: 
2019
Sito

Vai alla mappa 8xmille
per conoscere altri progetti

Ti potrebbe interessare:

Orizaba (Messico)

San Luis Gonzaga, scuola e dormitorio.

Caserta

Parrocchia del Buon Pastore, aiuto alla comunità.

Bologna

Voce del verbo accogliere, reinserimento sociale ex-detenuti.

L’8xmille è una storia
di ogni giorno.

Ricevi tutti gli
aggiornamenti periodici
su come vengono destinati
i fondi dell’8xmille.