PROGETTI

Tutti in campo, orti solidali e avviamento al lavoro.

Isernia, la Caritas diocesana recupera terreni abbandonati e dà una speranza a persone in difficoltà.

Condividi

x

C’è un Paese che offre fiducia e lavoro a chi li aveva persi.

Recupero di terreni incolti con particolare attenzione alla coltivazione degli uliveti. Le attività coinvolgono disoccupati, immigrati, detenuti, famiglie indigenti, e mirano a dare lavoro e dignità alle persone che ne hanno bisogno, promuovendo anche l’integrazione e l’accoglienza.

00:05 Abbiamo scommesso su un gruppo variegato di persone.

00:07 Veniamo tutti da esperienze diverse

00:11 chi per problemi economici chi altro.

00:14 È stata una cosa nuova

00:17 ho cercato di imparare.

00:19 Grande impegno

00:20 grande attenzione

00:22 grande voglia di fare.

00:24 Vogliamo mantenerli sul territorio per dargli una speranza per dargli un futuro

00:27 qui sulla loro terra.

00:36 La diocesi di Isernia/Venafro con questo progetto

00:40 sta cercando di dare delle risposte

00:42 a delle emergenze lavorative

00:46 per garantire e dare fiducia e speranza

00:49 soprattutto a delle persone fragili, deboli

00:52 per costruire un futuro qui sul loro territorio, sulla loro terra

00:56 e nel loro ambiente.

00:58 Il progetto è ambizioso

00:59 abbiamo messo in atto un oliveto

01:04 con varietà locali che hanno necessità di essere seguite

01:08 curate con varie tecniche colturali che loro hanno appreso

01:13 sia in aula che in campo.

01:16 Questo è un progetto “Tutti in campo” che ha visto il coinvolgimento di 12 ragazzi

01:22 a rappresentanza di 12 famiglie

01:24 del territorio diocesano di Isernia/Venafro.

01:29 La bontà del progetto oltre a quella economica

01:32 che ha dato respiro a queste 12 famiglie

01:34 è stata proprio quello di un’evoluzione relazionale

01:37 che ha portato alla nascita di nuove amicizie.

01:39 È un bel gruppo

01:41 è una possibilità

01:44 per chi come noi

01:47 ha bisogno di lavorare

01:49 per la famiglia

01:51 e questa possibilità ci è stata offerta

01:55 dalla Caritas

01:58 e non dalle istituzioni.

02:00 “Tutti in campo” è un progetto che avrà certamente, se Dio vuole, un seguito

02:04 con la formazione di una Cooperativa sociale

02:06 che porterà lavoro continuativo sul territorio a queste famiglie di cui parlavamo prima.

02:11 Mi piacerebbe molto che vada avanti questo progetto.

02:15 Con tutte le persone con cui siamo partiti

02:19 abbiamo iniziato

02:20 abbiamo stretto un vero e proprio legame

02:24 anche di amicizia.

02:26 È stato bello perché ognuno di noi

02:28 ha una sua storia un suo percorso

02:30 poi insieme ci si confronta e quindi ci si conosce

02:34 ci si arricchisce uno dell’altro.

02:36 Questi ragazzi possono essere un motivo di sviluppo

02:40 e anche di orgoglio di questa realtà

02:43 perché recuperare il patrimonio olivicolo della provincia di Isernia

02:47 si può fare

02:49 attraverso anche queste operazioni.

02:58 L’8xmille diventa una risorsa indispensabile

03:01 necessaria, fondamentale

03:03 per ridonare speranza a delle iniziative che altrimenti

03:06 non potrebbero essere messe in campo

03:08 con le sole risorse della Diocesi e con la sola buona volontà

03:12 da parte nostra.

I numeri del progetto

35.000

mq di terreni coltivati

12

famiglie di categorie protette coinvolte nel progetto.

200

famiglie hanno ricevuto parte dell'olio prodotto.

48

parrocchie fornite di olio per la consacrazione del giovedì Santo.

I valori del progetto

Una risposta concreta.

La Caritas diocesana ha aperto le porte a dodici ragazzi, con vari problemi economici e sociali, che sono stati coinvolti in un progetto di riscatto personale e di valorizzazione degli uliveti locali e delle attività produttive ad essi collegate, attraverso lezioni frontali e pratiche sul campo da parte di personale esperto e operatori specializzati.

Ripartire dalla terra.

“Le mani sporche di lavoro profumano di dignità”. Animata da questo motto, la diocesi vuole ridare speranza alle famiglie locali che, apprendendo tecniche professionali di lavorazione degli uliveti, possono da questi ultimi trarne un beneficio. L’obiettivo perseguito è duplice: garantire un futuro lavorativo e valorizzare il territorio, purtroppo spesso abbandonato.

Conforto delle relazioni.

La forza del progetto sta anche nei legami di solidarietà che si creano tra le persone coinvolte, che vanno oltre il momento lavorativo e si trasformano in relazioni di amicizia. Ogni persona, con il suo vissuto, ha modo di confrontarsi con l’altro e arricchirsi da questo scambio.

Dove Siamo

Progetto della Caritas diocesana di Isernia-Venafro, Corso Risorgimento 345, Isernia.

Dettaglio

Regione
Abruzzo Molise
Diocesi
Isernia - Venafro
Località
Isernia
Ambito
Carità
Destinati
€ 100.000
Anno: 
2017

Vai alla mappa 8xmille
per conoscere altri progetti

Ti potrebbe interessare:

Ragusa

Progetto “Costruiamo saperi”

Milano

“Il rifugio” della Caritas

Ladispoli (RM)

Mensa della Caritas diocesana.

Vuoi ricevere aggiornamenti mensili
su come vengono destinati i fondi dell'8xmille?