MAPPA 8XMILLE

Scopri i progetti.

×

San Domenico

Regione: Calabria

Diocesi: Cosenza - Bisignano

Località: Sartano di Torano Castello CS

Ambito: Culto e Pastorale

Destinati: € 714.735

Anno: dal 2000 al 2005

Condividi

Completamento complesso parrocchiale.

Ricerca un progetto:

CI SONO 16486 PROGETTI

Costruiamoci un futuro - III anno

Regione: Campania

Diocesi: Ariano Irpino - Lacedonia

Località: Ariano Irpino AV

Ambito: Carità

Destinati: € 50.000

Anno: 2019

Il progetto si realizza ad Ariano Irpino e completa, con una sola annualità, il percorso triennale approvato nel 2012, con l'avvio di un laboratorio/bottega per la lavorazione e la decorazione dell'argilla, con la produzione della Ceramica Arianese per la formazione e in prospettiva l'inserimento professionale di persone inoccupate, compresi ex detenuti. Da ottobre 2018 si prevede l'inserimento lavorativo di 30 persone, ampliando le attività del laboratorio con l'acquisto di un forno più grande e semilavorati.

Non di solo pane - I anno

Regione: Campania

Diocesi: Amalfi - Cava De' Tirreni

Località: Cava de' Tirreni SA

Ambito: Carità

Destinati: € 90.000

Il progetto, biennale, si realizza nella città di Cava e consiste principalmente nell'avvio di un Emporio solidale in questa città, a beneficio di circa 200 famiglie in carico ai CdA presenti in Diocesi. Accanto al sostegno materiale saranno previsti percorsi di ascolto e accompagnamento con particolare riferimento all'orientamento su opportunità di formazione professionale e inserimento lavorativo.

Abitare assieme: l'alloggio sociale e comunitario come percorso di reinserimento 2

Regione: Liguria

Diocesi: Ventimiglia - San Remo

Località: Ventimiglia IM

Ambito: Carità

Destinati: € 60.000

Con il Progetto si intende offrire una risposta al bisogno alloggiativo e di accompagnamento più olistico e individualizzato per persone a rischio di perdita della casa, a causa di mancanza di reddito o di fragilità psichica o di dipendenza da sostanze; ovvero di persone che incontrano più barriere all'accesso, e sono quasi abituate a vivere per strada (senza dimora italiani o anche profughi in zona di frontiera). Gli alloggi verranno reperiti fra alloggi protetti - alloggi sociali - alloggi ERP- alloggi da privati) Un educatore professionale con l'apporto di volontari formati, lo stesso Direttore della Caritas Diocesana, individueranno i possibili beneficiari dell'intervento, non limitandosi al reperimento dell'alloggio, ma prevedendo per le persone individuate un progetto individualizzato di reinserimento, anche assieme ai servizi territoriali socio sanitari. Lo staff educativo metterà in atto anche un intervento domiciliare in favore delle persone seguite nelle principali aree della quotidianità (cura della casa - lavoro od attività protette- cura ed igiene della persona - relazionalità e socializzazione). Ulteriori attività e voci di spesa riguardano la concessione di sussidi finalizzati coerentemente con i progetti individualizzati alla persone seguite per spese relative all'abitazione ed alle attività di socializzazione e protette (aiuti al pagamento dei canoni di locazione- utenze- piccoli interventi di manutenzione ordinaria e piccole attrezzature- borse lavoro - attività di socializzazione sportive.

Laboratorio comunità cultura - I anno

Regione: Piemonte

Diocesi: Fossano

Località: Fossano CN

Ambito: Carità

Destinati: € 34.800

Anno: 2018

Il progetto si realizza a Fossano, con il coinvolgimento delle scuole secondarie di secondo grado della città, e si rivolge ad una platea potenziale di oltre 250 minori delle classi seconde. Si tratta, nello specifico, di proporre ai ragazzi, in collaborazione con gli istituti scolastici incontri e laboratori esperienziali presso i "cantieri Caritas" (ascolto, accoglienza, risposte ai bisogni primari) con l'obiettivo di promuovere esperienze di prossimità e relazione e porre le basi per successive opportunità di servizio volontario concreto. Fulcro delle esperienze è il gruppo classe, alunni e insegnanti, che nel corso del biennio sarà progressivamente coinvolta in attività di team building, attraverso la conoscenza delle povertà e delle risorse del territorio, la co-progettazione di una iniziativa culturale o di servizio per le altre classi della scuola, e la realizzazione della medesima attività. Il progetto si avvierà con un concerto e si concluderà con un evento cittadino che presenterà la gallerie delle idee e delle esperienze realizzate.

Insieme ai minori, costruttori del futuro - I anno

Regione: Calabria

Diocesi: Rossano - Cariati

Località: Rossano CS

Ambito: Carità

Destinati: € 119.500

Un centro educativo dove i minori, provenienti dal centro storico di Rossano, possano sentirsi accolti e possano maturare le proprie competenze con il supporto degli educatori nella loro crescita e nella scoperta delle loro potenzialità. In un territorio pieno di difficoltà di vario genere, la finalità scopo è quello di istituire un servizio che si ponga come tentativo attivo per combattere i rischi di esclusione sociale e di abbandono scolastico dei minori in un'età critica come quella adolescenziale. Le aree d'intervento sono le seguenti: disagio socio-economico, scolastico, relazionale-comunicativo. A tal proposito verranno sviluppati 5 moduli tematici che vanno dalla conoscenza di sé alla relazione che il minore ha con l'ambiente e precisamente: " Io al centro: conoscenza di sé e percezione corporea"; "Io in relazione alla famiglia: Comunicazione e Relazione"; "Io in relazione alla scuola: motivazione e impegno"; " Io in relazione alle mie emozioni: sviluppo del pensiero critico"; "Io in relazione all'ambiente: Cittadinanza attiva". Tali attività vedranno coinvolte 1 coordinatore, 3 animatori che si occuperanno dei vari laboratori e 4 operatori. Il centro sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19.

Buoni come il pane 2

Regione: Lazio

Diocesi: Porto - Santa Rufina

Località: Ladispoli RM

Ambito: Carità

Destinati: € 55.800

Il progetto si realizza a Ladispoli (RM) presso il Centro "Santi Mario, Marta e figli" i cui servizi, rivolti quotidianamente a 50 persone senza dimora in stato di grave deprivazione e disagio sociale, erano già stati in parte potenziati con il progetto finanziato nel 2017. In particolare si prevede: - il rafforzamento del servizio mensa (nuovi arredi e attrezzature), per rispondere all'aumento delle richieste - il rimodernamento dell'ambulatorio odontoiatrico, con l'acquisto di nuove attrezzature.

Oasi del Carmelo

Regione: Basilicata

Diocesi: Tricarico

Località: Tricarico MT

Ambito: Carità

Destinati: € 100.000

Anno: 2019

Il progetto, proposto come biennale, si realizza a Tricarico, presso il Convento del Carmine, dove nel novembre scorso è stata inaugurata l'Oasi del Carmelo, un centro multiservizi e polivalente pensato per offrire prime risposte a bisogni economici, materiali e relazionali. Le attività previste dal progetto prevedono in particolare lo sviluppo dei seguenti servizi: - mensa, connessa ai servizi di ascolto e alla possibilità di partecipare a laboratori socio-educativi; - sportello antiusura e sovraindebitamento, in collaborazione con il CESTRIM di Potenza; - ambulatorio e farmacia solidale, in convenzione con il Banco Farmaceutico.

A.P.P.R.O.D.I. - II anno

Regione: Piemonte

Diocesi: Mondovì

Località: Mondovì CN

Ambito: Carità

Destinati: € 86.000

Il progetto biennale APPRODI si propone la duplice finalità di rispondere alla domanda di ospitalità dei richiedenti asilo che hanno ottenuto il documento di rifugiato o di protezione umanitaria od internazionale promuovendo esperienze di “accoglienza diffusa”, con il supporto di reti di famiglie e di comunità parrocchiali, ma anche di animare la comunità ecclesiale e civile alla cultura dell’accoglienza, promuovendo corretta informazione ed accompagnando l’avvio della progettualità SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) appena iniziata ad aprile 2018 sul territorio. L’intero biennio progettuale è stato organizzato e monitorato in collaborazione con il Gruppo Ecclesiale sull’Immigrazione “Padre Calleri – Mons. Cuniberti”, un gruppo di lavoro diocesano strutturato sul tema, che ha lo scopo di creare coinvolgimento e di farsi promotore delle corrette informazioni sul fenomeno in un dialogo capillare e fecondo con il proprio mondo cattolico di riferimento, la società civile e le istituzioni. Il progetto si articola in due grandi ambiti di intervento. Il primo ambito progettuale va nella direzione di promuovere nella comunità ecclesiale e civile della Diocesi un’autentica cultura dell’accoglienza e dell’inclusione, attraverso iniziative di formazione, riflessione e sensibilizzazione. Il secondo ambito progettuale va nella direzione di continuare, promuovere ed accompagnare esperienze di accoglienza strutturale diffusa dei richiedenti asilo e l’integrazione dei rifugiati e di chi gode di protezione internazionale con l’obiettivo di “lavorare perché all’emergenza (primo livello) si passi all’accoglienza diffusa sul territorio (secondo livello) e da questa all’autonomia dei singoli (terzo livello)”.

Se qualcuno bussa alla porta del tuo cuore

Regione: Lazio

Diocesi: Civita Castellana

Località: Civita Castellana VT

Ambito: Carità

Destinati: € 26.000

Anno: 2018

Il progetto, affonda le sue radici nella realtà del mondo circostante, e ha come obiettivo quello di sensibilizzare i giovani ad intraprendere un cammino di solidarietà e di servizio attraverso la presa di coscienza delle situazioni di disagio e di emarginazione attraverso itinerari negli istituti scolastici strutturati in maniera tale che i giovani possano comprendere le cause dell’emarginazione e del disagio; possano ragionare sulla complessità della nostra società, “ri-scoprendo” quei valori che sono alla base di una società solidale e possano, attraverso esperienze concrete di servizio, iniziare a “vedere” l’altro. Al termine del percorso formativo verranno proposte iniziative di servizio e di presa in carico delle povertà del territorio.

Como, città di confine - I anno

Regione: Lombardia

Diocesi: Como

Località: Como

Ambito: Carità

Destinati: € 198.550

Anno: 2018

Il progetto, proposto come biennale, si realizza nella città Como, territorio "di confine" su cui appare sempre più necessario dare continuità ai servizi attivati in emergenza, potenziando le opportunità di ascolto e orientamento. Si tratta in particolare di garantire alcune risposte a bisogni primari, senza compromettere la possibilità per alcuni beneficiari di intraprendere percorsi più complessi finalizzati al recupero di alcune autonomie. Nello specifico si prevede il potenziamento di: - servizio ascolto e orientamento legale per migranti in transito, presso il CdA diocesano, con l'inserimento di due operatori dedicati in sede e l'affiancamento di due operatore in strada, anche in servizio notturno - accoglienza notturna (avvio di un secondo dormitorio e disponibilità di tende riscaldate per il periodo invernale) - percorsi di semi autonomia, con l'avvio di un servizio di seconda accoglienza - servizio mensa per persone migranti in transito, con l'avvio di un secondo servizio per l'offerta di almeno 70 pranzi al giorno dell'ascolto delle persone e dell'orientamento ai servizi.

A chi bussa sarà aperto - I anno

Regione: Emilia Romagna

Diocesi: Carpi

Località: Carpi MO

Ambito: Carità

Destinati: € 65.800

Anno: 2018

Il progetto "A chi bussa sara' aperto" prosegue nella riflessione e implementazione del progetto di Social Housing avviato negli anni scorsi, per proseguire nell'attivazione di risposte all'emergenza abitativa rivolto in particolare: - mamme con bambini e donne sole nella casa AGAPE di "Mamma Nina" (Venerabile Marianna Saltini, sorella di don Zeno, fondatore di Nomadelfia); - nuclei in emergenza attraverso appartamenti in gestione alla Fondazione Caritas Focherini e la casa don Giordano Rossetti; - dormitorio per uomini senza dimora; - (nuovo) accoglienza di padri separati in difficoltà nella nuova sede della Caritas diocesana. Il progetto ha come obiettivo quello di operare con un accompagnamento educativo costante dei nuclei e dei singoli accolti, in stretta collaborazione con i servizi sociali territoriali, per pensare ad un progetto personalizzato che interviene si sulla situazione di emergenza, ma ponendo le basi per la futura autonomia del nucleo o dei singoli. Si intende mantenere la cura della relazione con le persone, offrendo opportunità formative per i genitori, o contemporaneamente, in collaborazione con la pastorale Giovanile, garantiranno occasioni educative significative per i minori coinvolti nel progetto e accolti negli alloggi.

Educhiamo - I anno

Regione: Lazio

Diocesi: Viterbo

Località: Viterbo

Ambito: Carità

Destinati: € 62.000

Il progetto, proposto come biennale, si realizza nella città e nella provincia di Viterbo, con l'obiettivo di supportare e coinvolgere la famiglia, la scuola e la parrocchia nello svolgimento della funzione educativa di ragazzi e adolescenti in ambito affettivo/relazionale e sessuale, e per la prevenzione delle dipendenze patologiche. Nello specifico si prevede la realizzazione attività laboratoriali progettate in modo partecipato con i destinatari (900 famiglie su tutto il territorio), con il coinvolgimento di esperti.

Presso le case - I anno

Regione: Puglia

Diocesi: Altamura - Gravina - Acquaviva delle Fonti

Località: Gravina di Puglia BA

Ambito: Carità

Destinati: € 120.000

Il progetto, biennale, si realizza con la promozione di alcuni servizi segno in diverse località della Diocesi, rivolti complessivamente a un migliaio di famiglie. Nello specifico si prevede: - a Gravina di Puglia, il sostegno all'emporio già esistente presso la parrocchia di San Francesco, e - ad Acquaviva delle Fonti, il potenziamento del servizio emporio (in avvio) e il completamento di un centro di ascolto e centro di pronta accoglienza notturno per donne (8 posti) - ad Altamura, il rafforzamento della mensa diocesana - a Santeramo, il rinnovamento dei locali del Centro di Ascolto e del centro di distribuzione viveri. Nel secondo anno sui servizi promossi, sarà in particolare innestato un progetto "Famiglie solidali" e sarà avviato un percorso di promozione degli empori a livello interparrocchiale, a cominciare dalla città di Altamura.

C.A.S.A. 2 - Centro accoglienza Sant'Antonio

Regione: Sicilia

Diocesi: Acireale

Località: Aci Sant'Antonio CT

Ambito: Carità

Destinati: € 112.000

Anno: 2018

Il progetto, ampliando gli interventi posti in essere già lo scorso anno dalla Caritas diocesana con la prima annualità dello stesso Progetto C.A.S.A., mira a venire incontro al disagio abitativo delle persone senza dimora e agli aspetti psico-socio-relazionali del problema. Le due distinte aree della struttura diocesana, con due ingressi separati e differenti, sono state destinate e continueranno ad esserlo: - all'accoglienza maschile notturna (10 posti di pronta accoglienza per uomini), - all'accoglienza femminile notturna (6 posti di pronta accoglienza per donne) - all'erogazione del pasto caldo serale, della colazione al mattino e di un cestino pranzo per gli ospiti del progetto (oltre al già attivo servizio serale di strada di distribuzione pasti caldi, anche a domicilio per i casi di persone ammalate o che non riescono a spostarsi) - al servizio docce, lavanderia e guardaroba. Se il bisogno di stabilità emotiva richiederà un impegno mirato all’ascolto ed al farsi prossimi, sarà obiettivo del progetto curare i percorsi personalizzati di ogni accolto. Uno dei punti del progetto sarà la creazione attiva della partnership e della rete territoriale al fine di strutturare interventi più efficaci e duraturi. Le parrocchie dei Comuni delle Aci (territorialmente vicine al luogo di accoglienza) saranno chiamate a favorire l'inserimento di quanti vorranno all'interno della vita pastorale della comunità parrocchiale, e a spendersi per il recupero e l'accompagnamento delle persone accolte da questo progetto. La rete dei servizi sociali, il Comune di riferimento, le associazioni ed il mondo del volontariato saranno stabilmente coinvolte al fine di creare una realta di supporto e di riferimento nel tentativo di rendere l'intervento quanto piu possibile efficace e partecipato.

SOSteniamo il lavoro - II anno

Regione: Umbria

Diocesi: Perugia - Città della Pieve

Località: Perugia

Ambito: Carità

Destinati: € 140.000

Il progetto nasce dalla convinzione che per contrastare il rischio di povertà ed esclusione sociale, in cui tante persone scivolano, sia necessario ripartire dal lavoro degno, ragionevolmente retribuito e stabile. Il progetto mira a far uscire dal cono d'ombra sociale, psicologico ed economico le persone che vivono questa condizione di rischio, per accompagnarle verso un percorso di autonomia e per lanciare un monito ed un segno di carità fraterna alla comunità territoriale. Nel primo anno il progetto si focalizzerà sullo sviluppo di un servizio di orientamento e di tutoraggio finalizzato alla ricerca attiva del lavoro e a facilitare l'inserimento o il reinserimento lavorativo mediante un processo di valorizzazione delle motivazioni, delle attitudini e delle competenze dei candidati. La prima fase sarà costituita da una campagna di comunicazione per il lancio del progetto attraverso una conferenza stampa, quotidiani, tv e radio locali e con l'uso del sito web web e dei socials. Nel secondo anno il progetto avrà un target più specifico, con l'obiettivo di trovare una soluzione al problema della condizione dei giovani NEET. Il servizio di orientamento e tutoraggio prevederà l'attivazione di percorsi di accompagnamento all'autonomia incentrati sulla valorizzazione dei talenti attraverso lo sviluppo di competenze, di mestieri, di professionalità che siano in grado di fornire gli strumenti necessari per fare della propria passione il proprio lavoro. Tornando alla prima annualità, grazie all'esperienza maturata nell'ultimo anno, saranno introdotti nuovi accorgimenti che miglioreranno il processo di selezione dei candidati: la partecipazione al nuovo progetto sarà infatti caratterizzata da un bando di selezione. A seconda dei casi, l'orientamento prevederà l'attivazione di specifici percorsi di avvio all'autonomia: corsi di formazione professionale organizzati da Enti accreditati organizzati a tutti i livelli: post-scuola dell'obbligo, post-diploma e diploma universitario, post-laurea che si concluderanno con un esame finale, superato il quale si ha diritto ad un attestato di qualifica o di frequenza legalmente riconosciuti ( 15 nel 2018); tirocini extracurriculari( 10 attivazioni previste nel 2018, altrettante nel 2019 con particolare attenzione alla possibilità di trasformazione del tirocinio in contratto di assunzione); borse studio/lavoro, accompagnamento all’avvio di piccole imprese, (10 attivazioni previste nel 2018 e 10 nel 2019); laboratori di inserimento lavorativo. Accanto a queste attività operative, il progetto promuoverà le proprie finalità e i contenuti per sensibilizzare la comunità cristiana. Verrà organizzato anche un evento sul tema del lavoro e dell'inclusione sociale

CI SONO 16486 PROGETTI

Vieni a conoscere i numeri del rendiconto generale delle destinazioni dell'8xmille.

Vai al rendiconto

Scopri alcuni dei progetti realizzati.

Bologna

Voce del verbo accogliere, reinserimento sociale ex-detenuti.

Tortolì (NU)

Microcredito, Caritas diocesana.

Piacenza

Officina delle 4S, scuola di italiano per stranieri della Caritas diocesana.

Orizaba (Messico)

San Luis Gonzaga, scuola e dormitorio.

Roma

Piccolo Mondo, asilo nido multietnico.

Huayacocotla (Messico)

Progetto Fomento, sviluppo popolazioni indigene.

Ferrara

Casa Betania, accoglienza per donne e minori.

Caserta

Parrocchia del Buon Pastore, aiuto alla comunità.

Huayacocotla (Messico)

Progetto Prodh, a difesa diritti umani.

Vuoi ricevere aggiornamenti mensili
su come vengono destinati i fondi dell'8xmille?