“Firmo perché è un atto di libertà, condivisione e fiducia nella Chiesa”. | Page 3 | 8xmille

FIRMO PERCHÉ

Le testimonianze di chi firma.

Ti presentiamo alcune testimonianze di persone che decidono di destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica e ci raccontano il perché della loro scelta.
Leggi la loro storia e se vuoi, raccontaci perché firmi per l’8xmille alla Chiesa cattolica. Partecipa anche tu!

Inviaci la tua testimonianza
Condividi

Enzo, 55 anni – Avvocato, Campi Bisenzio (FI)

“Firmo perché è un atto di libertà, condivisione e fiducia nella Chiesa”.Leggi di più

Versare l’8xmile alla Chiesa cattolica trovo che sia un atto di libertà, una manifestazione, concreta, di quel diritto di credo, di religione, di espressione, previsto e garantito dalla Carta costituzionale. Come appartenente alla comunità di fedeli sento anche la responsabilità di partecipare concretamente ed efficacemente alla realizzazione pratica di molti dei valori che condivido. Per sentirmi parte attiva degli obiettivi e dei progetti ce la Chiesa persegue, nonché per poter contribuire fattivamente a sollevare, almeno in parte, le sofferenze dell’altro in difficoltà.

Leggi di più

Condividi

Manuele , Aosta

“Firmo perché sono riconoscente a Dio”.Leggi di più

Destino il mio 8xmille alla Chiesa cattolica perché la vita mi ha dato la certezza, la ferma e consapevole certezza, che proprio tramite la Chiesa cattolica la mano di Dio saprà sempre tirare fuori dalle sabbie mobili, dal pantano, da quanto vi è di brutto, tante persone bisognose, bisognose di quella carità che on verrà mai meno, che è benigna, che è paziente, che tutto sopporta.

Leggi di più

Condividi

Sandro, 78 anni - Politico, Pavia

“Firmo perché la Chiesa risponde alle richieste di aiuto in maniera efficace”.Leggi di più

Firmo per devolvere l’8xmille alla Chiesa cattolica da sempre e i motivi sono sostanzialmente due. Prima di tutto sono certo che ciò che dono viene impiegato in tempi brevi per rispondere a bisogni concreti. Il tempo è un fattore fondamentale: chi ha bisogno di aiuto necessita di risposte veloci, non si può permettere il lusso dell’attesa. Spesso la macchina statale è lenta e burocraticamente poco efficiente, mentre il sistema della Chiesa cattolica è immediato e sa rispondere alle richieste di chi è in difficoltà in maniera efficace. Inoltre, rispetto agli interventi di carattere sociale e sanitario del mondo pubblico, gli interventi portati avanti dalle parrocchie rispondono a bisogni concreti: non si tratta solo di essere sentinelle di un territorio, ma anche di fornire risposte ai poveri che tendono la mano magari per pagare la bolletta, per avere di che vestirsi o per poter finalmente trovare un pasto caldo.

Leggi di più

Condividi

Emanuela – Commercialista e membro del Consiglio Economico Diocesano, Biella

“Firmo perché sono una diretta testimone di come queste risorse tornano al territorio”.Leggi di più

Ho sempre firmato l’8xmille alla Chiesa cattolica, senza alcuna riserva, senza alcun indugio. Io sono cattolica e praticante e per questo sin da ragazza con fiducia ho destinato il mio contributo alla Chiesa cattolica pensando che questi fondi sarebbero stati spesi al meglio. Poi, quando sono entrata a far parte del Consiglio Economico Diocesano, ho potuto constatare direttamente come il denaro che arriva alla Diocesi attraverso l’otto per mille viene impiegato. E quello che ritenevo fosse giusto con un atto di fiducia è invece diventato certezza. La certezza dei fatti concreti che possiamo sperimentare ogni giorno. In questo anno legato all’emergenza per la pandemia abbiamo sperimentato ancora più da vicino quanto la Carità sia fondamentale per aiutare famiglie in difficoltà. E quanto le parrocchie siano un punto di riferimento, sentinelle sul territorio, dove i parroci sono profondi conoscitori dei bisogni e delle emergenze che si creano. E spesso si confrontano con i nuovi bisogni e le nuove emergenze.

Leggi di più

Condividi

Antonio, 60 anni – Geometra, Cassano All'Ionio (CS)

“Firmo perché la Chiesa è la casa di tutti”.Leggi di più

Io firmo per l’8xmille alla Chiesa cattolica perché la Chiesa è la casa di tutti, nessuno escluso.

Leggi di più

Condividi

Catena – Insegnante, Sortino (SR)

“Firmo perché è un atto che ogni buon cristiano dovrebbe fare”.Leggi di più

Grazie anche alla mia firma, la Chiesa si impegna al sostentamento dei sacerdoti, per esigenze di culto e attività di religione, e per interventi culturali, sociali umanitari ed assistenziali a favore dell’Italia e di altri Paesi. E questo non mi sembra poco, considerato l’impegno per la crisi sociale dovuta al Covid-19. Ma la ragione che mi spinge ad apporre la mia firma è soprattutto un’altra: ogni buon cristiano è chiamato a compiere ogni giorno atti di carità e di amore nei confronti del prossimo. L’uomo senza carità non ha valore morale. L’”agape”, così come la definisce san Paolo nell’Inno alla Carità, esprime la donazione totale di sé all’altro. Tutta l’esistenza del cristiano deve dunque indirizzarsi a questa realtà unica e importante.

Leggi di più

Firmo Perché

Enzo, 55 anni – Avvocato, Campi Bisenzio (FI)

“Firmo perché è un atto di libertà, condivisione e fiducia nella Chiesa”.Leggi di più

Condividi

Versare l’8xmile alla Chiesa cattolica trovo che sia un atto di libertà, una manifestazione, concreta, di quel diritto di credo, di religione, di espressione, previsto e garantito dalla Carta costituzionale. Come appartenente alla comunità di fedeli sento anche la responsabilità di partecipare concretamente ed efficacemente alla realizzazione pratica di molti dei valori che condivido. Per sentirmi parte attiva degli obiettivi e dei progetti ce la Chiesa persegue, nonché per poter contribuire fattivamente a sollevare, almeno in parte, le sofferenze dell’altro in difficoltà.

Leggi le storie più belle nella tua casella di posta
e scopri come vengono destinati i fondi dell’8xmille alla Chiesa cattolica.

Iscriviti alla newsletter

Puoi annullare l’iscrizione in ogni momento.